Salta al contenuto principale

Morto Giuliano Stenghel

E' precipitato mentre arrampicava

su una scogliera in Sardegna

Sten, come lo chiamavano gli amici, era considerato un acrobata delle ascensioni

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 17 secondi

Choc nel mondo dell’alpinismo nazionale e internazionale: l’uomo deceduto oggi a Tavolara, precipitato mentre si arrampicava su una delle parti più alte della scogliera dell’isola che si trova sul versante nord-orientale della costa sarda, è Giuliano Stenghel, famoso alpinista di Rovereto che in Gallura era di casa.

Sten, come lo chiamavano gli amici, era Istruttore nazionale d’alpinismo dal 1978, ma anche istruttore emerito del Cai e socio accademico del Gism.

Amante delle montagne e delle grandi salite in roccia, era considerato un acrobata delle ascensioni. Nel mondo alpinistico era conosciuto come il “maestro del friabile” per la capacità di muoversi su rocce difficili ed estremamente friabili anche con poche protezioni.

Potrebbe essere stato proprio un eccesso di sicurezza su una scogliera che conosceva benissimo a costargli la vita. Stenghel ha perso l’equilibrio, andando a sbattere più volte sulle rocce sottostanti e finendo in mare quando ormai era già morto.

A lanciare l’allarme sono state le persone che si trovavano a bordo di una barca nelle vicinanze. La guardia costiera è intervenuta e ha riportato il corpo sulla banchina del porto di Olbia, cercando di favorire i soccorsi dei sanitari, il cui intervento si è però rivelato inutile.

Per gli appassionati di alpinismo e per tutte le persone che l’hanno conosciuto è una perdita gravissima. Giuliano Stenghel poteva vantare l’apertura di 200 vie nuove e moltissime prime ascensioni solitarie.

Nato a Rovereto nel ‘53, Giuliano Stenghel ha realizzato, con l’aiuto di molti amici, l’Associazione umanitaria Serenella-Onlus, che ha come scopo preciso la solidarietà verso i bambini bisognosi.

Nel 1998 Giuliano, con alcuni amici alpinisti, ha promosso “Alpinismo e solidarietà”. Era un uomo estremamente generoso, come dimostrava con i fatti, e di grande simpatia.

Viveva a Villa Lagarina con la moglie Nicoletta e le figlie Chiara e Martina.

Sotto, l'isola Tavolara dove è avvenuta la tragedia.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy